Ordini Cavallereschi

Cosa sono gli Ordini Cavallereschi

Gli Ordini Cavallereschi erano “organizzazioni” con carattere religioso-militare operanti in Europa e Asia Minore. Alcuni di essi continuano a esistere tutt’ora, ma con modalità e funzioni diverse.
Ebbero uno sviluppo con l’avvento della prima Crociata in Terra Santa, detta anche “dei Nobili” per la grande presenza di Nobili cattolici europei e promossa da Papa Urbano II, in difesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, sotto il comando di Goffredo di Buglione, conquistarono Gerusalemme nel 1099. Inizialmente gli Ordini avevano carattere militare e ospedaliero, cioè erano sia a difesa dei Luoghi Santi, che a protezione e assistenza dei pellegrini che si recavano in Terra Santa.

Gli Ordini Cavallereschi traggono origine dalla Cavalleria Medioevale, periodo nel quale il Cavaliere giurava fedeltà a un feudatario e aveva come valore principale la forza, il coraggio, ed era sempre pronto a mettere a repentaglio la propria vita per chi lo aveva investito di tale ruolo. Con l’andare del tempo, però, il giuramento dei Cavalieri non fu più rivolto al feudatario, ma al perseguimento degli ideali di giustizia, a difesa dei deboli e al rispetto dei precetti del Cristianesimo. Gli Ordini erano in genere retti da Gran Maestri, eletti dai rispettivi Capitoli Generali, e il Titolo di Cavaliere era personale e non poteva essere trasmesso per via ereditaria.


Essere Cavaliere: un vero e proprio Status Sociale

Col tempo sorgono gli Ordini cosiddetti “Dinastici”, appartenenti al Patrimonio Araldico di una dinastia regnante, prerogativa che in futuro sarà conservata anche al sovrano in esilio ma non abdicatario. Questi Ordini venivano chiamati anche “di collana”, in quanto il simbolo di appartenenza era un collare al quale veniva appesa l’insegna-decorazione. Esempio di tali Ordini sono: l’Ordine Supremo della Santissima Annunziata di Casa Savoia, l’Ordine del Toson d’Oro, il Nobilissimo Ordine della Giarrettiera, l’Ordine di San Michele, l’Ordine Costantiniano di San Giorgio (ramo Napoli e ramo Parma), l’Ordine di San Giuseppe e molti altri.

I Cavalieri si esercitavano nei tornei e giostre, ove simulavano combattimenti, potendo così mostrare la loro abilità e destrezza. Durante i tornei, i Cavalieri si presentavano con i loro stemmi, raffiguranti i colori o le gesta dei loro avi. Con l’evolversi della situazione politica europea, si fece strada un diverso modo di intendere la Cavalleria, gli Ordini mutarono il loro carattere militare, mutandone in parte le finalità, e farne parte era segno di distinzione e di Nobiltà. Lo status di Cavaliere, che originariamente veniva conferito esclusivamente dal sovrano, in seguito poterono conferirlo i Cavalieri stessi e, successivamente, con la nascita dei Comuni, anche i Comuni medesimi. Attualmente alcuni Ordini hanno mantenuto il carattere militare solo nelle loro norme statutarie, e son dediti alla beneficenza, all’assistenza dei più bisognosi, o hanno carattere premiale.


Principali Tipologie di Ordini

Gli Ordini Cavallereschi si dividono fondamentalmente in due grandi categorie: gli Ordini Dinastici e gli Ordini di Merito ed hanno, oggigiorno, principalmente la funzione di ricompensare le benemerenze dei singoli individui, siano essi uomini, o donne.

Qualora gli Ordini appartengano al Patrimonio Araldico di una Famiglia Reale tutt’ora regnante, si chiamano “Ordini Dinastici”; “Ordini Dinastici non Nazionali”, se invece appartengono a una Casa Reale ex Regnante. Ad oggi esistono, in Europa, diversi Ordini Dinastici e Ordini non Nazionali, legati sia al Patrimonio Araldico di un sovrano regnante, che a una dinastia non più regnante. Solo per elencare alcuni Ordini Dinastici espressione di dinastie regnanti, possiamo citare l’Ordine della Giarrettiera, l’Ordine del Cardo in Gran Bretagna e l’Ordine del Toson d’Oro in Spagna, mentre Ordini di dinastie non più regnanti, sono ad esempio l’Ordine Supremo della Santissima Annunziata di Casa Savoia e il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio della Casata dei Borbone-Due Sicilie.

Gli Ordini al merito, invece, possono appartenere sia a una Famiglia Reale come sopra (ad es. l’Ordine al Merito di Casa Savoia), sia a uno Stato, oppure sotto forma di Associazione, o anche a un Ordine religioso, e vengono utilizzati per premiare cittadini che si sono distinti per meriti scientifici, culturali, artistici, eroici. L’Ordine Italiano al merito più noto è l’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, il cui capo è il Presidente della Repubblica.

Ordini Pontifici

La Chiesa ha sempre avuto un grande ruolo negli Ordini Cavallereschi. Tali Ordini erano emanati necessariamente dalla sovranità spirituale della Chiesa, ed erano la commistione di due soggetti, uno come Ordine religioso e l’altro come Ordine cavalleresco, quest’ultimo per indicare il potere sovrano cioè lo “Ius Honorum”. Ordini Pontifici attivi ad oggi sono, ad esempio, l’Ordine di San Silvestro Papa, l’Ordine di San Gregorio Magno e l’Ordine Piano. Gli Ordini che, invece, la Chiesa riconosce sono: l’Ordine dei Cavalieri di Malta e l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Ordini Templari

Discorso a parte meritano i tanti Ordini che si richiamano, in vario modo, ai Cavalieri del Tempio, non solo per la loro storia, affascinante e a tratti controversa, ma anche per la particolare caratteristica di essere un Ordine monastico e militare allo stesso tempo, tant’è che i Cavalieri Templari vengono definiti Monaci Guerrieri. Il più conosciuto per continuità storica e per diffusione in tutto il mondo è l’Ordo Supremus Militaris Templi Hierosolymitani (OSMTH Magnum Magisterium), di cui l’attuale Gran Maestro è Albino Neves.


Gli Ordini oggi

Alcuni Ordini Cavallereschi del passato oggi non sono più attivi, alcuni sono sopravvissuti, altri sono stati istituiti ex novo. Quello che non è scomparso e mai scomparirà, sono i valori sempre attuali e tramandati dagli Ordini stessi come la solidarietà, la fratellanza, la beneficenza e l’aiuto dei deboli. Non si fanno più crociate con elmi e spade, ma l’unica arma è la buona e ferma volontà di agire per il bene del prossimo e per una società più giusta.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
error: Il contenuto è protetto.